La redazione di Forbes Advisor è indipendente e obiettiva. Per sostenere il nostro impegno e per continuare a fornire contenuti gratuiti ai nostri lettori, riceviamo un compenso dalle aziende che pubblicizzano i loro prodotti e servizi sul nostro sito. Nello specifico, Forbes Advisor è finanziato mediante due principali modalità.

In primo luogo, mettiamo a disposizione degli inserzionisti spazi pubblicitari in cui presentare le proprie offerte. I compensi che percepiamo a fronte delle inserzioni influiscono sul formato e sulla collocazione all’interno del nostro sito delle offerte in questione. I contenuti che pubblichiamo non interessano la totalità delle aziende o dei prodotti disponibili sul mercato.

In secondo luogo, alcuni dei nostri articoli contengono link a offerte di inserzionisti. Se cliccati, questi “link di affiliazione” possono produrre entrate a favore del sito. I compensi che percepiamo da parte degli inserzionisti, tuttavia, non influenzano il parere o i consigli espressi dalla nostra redazione, né incidono in alcun modo sui contenuti editoriali di Forbes Advisor.

Nonostante l'impegno quotidiano nell'offerta di contenuti dettagliati, aggiornati e in linea con le aspettative dei propri lettori, Forbes Advisor non può garantire la completezza delle informazioni riportate nei propri articoli e declina ogni responsabilità in merito all'accuratezza o alla validità di tali informazioni.

Come creare un business plan: esempio pratico (2024)

Pubblicato: 21/09/2023, 11:18 am

Revisione di

Perché creare un business plan?

Business plan: esempio in 6 punti, 1. mission o vision, 2. offerta e proposta di valore, 3. pubblico di riferimento e potenziali clienti, 4. flussi di ricavi, canali di vendita e di marketing, 5. organizzazione, fornitori e gestione delle attività, per concludere.

Un business plan è un documento utilizzato per definire obiettivi e strategie che consentano a un’attività di raggiungere il successo. Nell’articolo che segue forniremo un semplice esempio di business plan, che copre le indicazioni essenziali per l’avvio di una piccola impresa o di un’attività in proprio: se hai intenzione di dare vita a un progetto imprenditoriale, questo esempio può rappresentare un punto di partenza per sviluppare una pianificazione più completa.

La creazione del business plan è un processo essenziale per comprendere meglio costi, incarichi, opportunità di guadagno e quali modelli di business siano più remunerativi. Non sono solo gli imprenditori alle prime armi a dover sviluppare un business plan: si tratta di un’operazione preziosa per chiunque gestisca un’attività. Un business plan può essere strutturato secondo diversi gradi di complessità, dai più basilari ai piani più dettagliati, comprensivi di ricerche di mercato, costi e previsioni sui ricavi. Che tu sia un imprenditore in proprio o abbia lanciato una startup in cerca di finanziamenti, creare un business plan ben strutturato è un passo fondamentale per avviare un’impresa .

Un business plan completo dovrebbe comprendere sei elementi chiave, illustrati in questo esempio. Il livello di approfondimento richiesto dipende principalmente dalla scelta di avviare una piccola impresa o di ricorrere a un finanziamento da parte di un investitore. Le imprese finanziate da investitori, infatti, richiedono ricerche di mercato più approfondite e dettagli operativi e finanziari a sostegno del progetto.

Inizia il tuo business plan con un resoconto conciso che racchiuda la tua idea. Questa sezione deve rispondere in modo sintetico a cinque domande fondamentali. Le risposte saranno approfondite nelle sezioni successive del nostro esempio di business plan.

  • Di cosa si occupa la tua azienda? Vendi prodotti, servizi, informazioni o un insieme di queste cose?
  • Dove si svolge l’attività? La tua attività si svolge online, in negozio, tramite dispositivi mobili o in un luogo o ambiente specifico?
  • A chi si rivolge la tua attività? Qual è il mercato di riferimento della tua azienda e che caratteristiche ha il tuo cliente ideale?
  • Perché i potenziali clienti dovrebbero considerarla? Cosa dovrebbe spingere i tuoi clienti ideali a notare la tua attività?
  • In che modo i tuoi prodotti e/o servizi si distinguono da quelli della concorrenza? Cosa dovrebbe spingere i tuoi clienti ideali a scegliere la tua attività rispetto a quella di un concorrente?

Se hai difficoltà a fornire risposte a queste domande nella sintesi del tuo business plan, non preoccuparti. Man mano che lavorerai al piano, è molto probabile che scoprirai possibili risposte a queste domande, identificando nuove opportunità per la tua idea di business.

In questa sezione del business plan, dovrai illustrare la tua offerta commerciale. È inoltre il momento di definire la tua proposta di valore, spiegando perché la tua attività potrebbe risultare preziosa per dei potenziali clienti.

Lavorando a questa parte, potresti scoprire nuove opportunità di mercato che inizialmente non avevi considerato. Per esempio, una startup specializzata in prodotti senza glutine e chetogenici potrebbe ampliare la propria proposta di valore preparando dolci personalizzati per occasioni speciali adatti a diverse preferenze alimentari.

In questa sezione identificherai il tuo pubblico di riferimento, parlando dei problemi e delle esigenze specifiche a cui il tuo prodotto o servizio può fornire risposte. Questa fase è fondamentale per sviluppare una strategia di marketing e un’offerta di prodotti.

Per farlo in modo efficace, individua un problema che il tuo target si trova ad affrontare. Per esempio, la startup specializzata in cibi senza glutine e chetogenici può rivolgersi a persone attente alla salute e alla ricerca di questi prodotti. Tuttavia, è essenziale accertarsi di rivolgersi a una base di clienti sufficientemente ampia da poter sostenere l’attività, il che potrebbe significare che dovrai offrire una varietà di prodotti da forno tradizionali insieme quelli più particolari.

La nostra economia è trainata dalle tecnologie informatiche e grazie a internet oggi le startup possono contare su molte opportunità di guadagno e raggiungere un pubblico di riferimento sempre più variegato. In questo contesto, i flussi di ricavi e i canali di vendita divengono anche strumenti di marketing: la presente sezione è dedicata a tutti questi aspetti.

Flussi di ricavi

I flussi di ricavi corrispondono ai molti modi in cui è possibile generare guadagni con la propria attività. Nel tuo business plan, elenca le fonti di entrate al momento del lancio e indica eventuali idee che consentano di ampliare l’attività in futuro.

Ad esempio, il business plan della startup specializzata in prodotti gluten free potrebbe contemplare i seguenti flussi di ricavi:

  • Vendita di prodotti: online, in negozi pop-up, all’ingrosso e (in futuro) in negozio
  • Ricavi derivanti da campagne di affiliazione: monetizzazione dei post contenenti link di affiliazione pubblicati all’interno di un blog e/o sui profili social
  • Entrate derivanti dalle inserzioni pubblicitarie: annunci pubblicitari sul sito web
  • Vendite di ebook: (in futuro) pubblicazione di ebook di ricette di dessert senza glutine e compatibili con la dieta chetogenica
  • Ricavi ottenuti grazie ai video: (in futuro) monetizzazione di un canale YouTube con video informativi sulla realizzazione di dessert senza glutine e chetogenici
  • Webinar e corsi online: (in futuro) monetizzazione di webinar orientati al coaching e corsi online dedicati a consigli e tecniche di cottura
  • Contenuti riservati ai soci: (in futuro) monetizzazione di una sezione del sito web riservata ai soci e dedicata a contenuti speciali a integrazione dei webinar e dei corsi online
  • Franchising: (in futuro) vendere l’idea di aprire forni specializzati nella realizzazione di questi prodotti di nicchia a imprenditori di franchising.

Canali di vendita

I canali di vendita consentono di generare flussi di ricavi. Questa sezione risponde anche alla domanda “dove si svolge l’attività?” contenuta nel secondo punto della vision del progetto.

Ad esempio, nel business plan della startup specializzata in prodotti senza glutine potrebbero essere indicati i seguenti canali di vendita:

  • POS: un sistema di vendita per dispositivi mobili come Shopify o Square POS per la gestione delle vendite in mobilità in contesti quali mercati, eventi e fiere
  • Piattaforma ecommerce: un negozio online come Shopify , Square o WooCommerce per le vendite al dettaglio online e gli ordini di vendita all’ingrosso
  • Canali social: post e pin con pulsanti per l’acquisto su Facebook , Instagram o Pinterest, che consentano di vendere online attraverso i propri profili
  • Negozio: una sede fisica, quando l’attività sarà cresciuta al punto di consentirti di gestire un negozio.

Di seguito elenchiamo ulteriori canali che possono fungere da fonti di reddito:

  • Ricavi derivanti da campagne di affiliazione: sezione blog sul sito di ecommerce e partner affiliati
  • Entrate derivanti dalle inserzioni pubblicitarie: annunci pubblicitari sul sito di ecommerce
  • Vendite di ebook: vendite di ebook su Amazon tramite Kindle Direct Publishing
  • Ricavi ottenuti grazie ai video: canale YouTube con monetizzazione degli annunci pubblicitari
  • Webinar e corsi online: piattaforme dedicate a corsi online e webinar che consentano di gestire la creazione di account per gli iscritti e il caricamento e la riproduzione di contenuti registrati
  • Contenuti riservati ai soci: contenuti protetti da password tramite applicazioni per la creazione di community di utenti iscritti come MemberPress.

Canali di marketing

Spesso i canali di marketing e di vendita utilizzati dalle imprese presentano forti sovrapposizioni. I video e le piattaforme online come i social media, i siti web o i blog fungono sia da strumenti di marketing che da fonti di ricavi, risultando particolarmente utili per le startup e le imprese di piccole dimensioni.

Ad ogni modo, i canali pubblicitari tradizionali come la radio, la TV, le comunicazioni dirette per posta e la carta stampata hanno mantenuto il proprio valore per molte attività e, pertanto, devono essere presi in considerazione al momento della creazione di un piano di marketing e di un budget all’interno di un business plan.

In questa sezione del nostro esempio di business plan spieghiamo come indicare la struttura, le modalità di gestione dell’azienda ed eventuali certificazioni o permessi necessari per l’avvio dell’impresa.

La startup specializzata in prodotti senza glutine potrebbe elencare alcuni punti simili ai seguenti:

  • Struttura aziendale: definizione dell’organizzazione dell’attività
  • Permessi e certificazioni: licenza per il trattamento degli alimenti e per la produzione alimentare artigianale. In alternativa, affitto di una cucina commerciale in possesso dei requisiti necessari
  • Ruoli e responsabilità: imprenditore in proprio, tutti i ruoli e le responsabilità sono in capo al titolare
  • Attività quotidiane: procurarsi gli ingredienti e cucinare tre giorni a settimana per rispondere agli ordini. Riservare del tempo agli eventi di settore, ai mercati e agli ordini dei partner all’ingrosso, se necessario. Spedire a giorni alterni gli ordini effettuati online. Aggiornare il sito web e creare post social, sul blog e contenenti link di affiliazione nei giorni in cui non vengono effettuate le spedizioni.

L’ultimo passaggio nella stesura del business plan consiste nell’elencare i costi previsti per l’avvio e la gestione dell’attività, oltre che i ricavi attesi. Grazie a strumenti gratuiti come Square e alle opportunità di marketing offerte dai social media, è possibile lanciare una startup a costi molto contenuti.

In molti casi, il costo della merce, della spedizione e dell’imballaggio, delle autorizzazioni e licenze, e della stampa dei biglietti da visita sono le uniche spese da sostenere.

Sviluppare al meglio il business plan della propria attività è un passaggio fondamentale per chi si appresta a lanciare un’impresa, ma è altrettanto importante che la fase di pianificazione non si trasformi in un ostacolo per l’avvio dell’attività.

Tieni presente, inoltre, che un business plan non è mai un documento destinato ad assumere valore definitivo. I mercati, il pubblico e le tecnologie sono in costante evoluzione, così come gli obiettivi aziendali e le strategie sviluppate per raggiungerli. Considera il tuo business plan, quindi, come un documento dinamico, soggetto a revisioni periodiche, da ampliare e modificare in risposta alle opportunità di mercato e alla crescita della tua attività.

  • Migliori website builder
  • Website builder gratuiti
  • Creare un ecommerce
  • Squarespace
  • Shopify vs GoDaddy
  • Shopify vs Wix
  • Shopify vs Squarespace
  • Wix vs GoDaddy
  • Wix vs Squarespace
  • WordPress vs Squarespace
  • Squarespace vs GoDaddy
  • Miglior hosting economico
  • Miglior hosting WordPress
  • Ionos Hosting
  • Miglior VPN
  • Miglior VPN mobile
  • Miglior VPN Android
  • Miglior VPN iPhone
  • Migliori VPN per Google BARD
  • Migliori VPN ChatGTP
  • VPN a confronto
  • Private Internet Access
  • Surfshark VPN
  • NordVPN vs CyberGhost
  • Proxy vs VPN
  • Migliori servizi VoIP
  • VoIP cos'è
  • Miglior conto aziendale online
  • Hype Business
  • Reibanq Business
  • B-ilty Conto Business Illimity
  • Migliore carta aziendale
  • Revolut Business
  • Conto multivaluta
  • Miglior POS
  • Axerve POS Easy
  • Buy Now Pay Later (BNPL)
  • Satispay Business
  • Password manager gratis
  • Antivirus gratis
  • Miglior software buste paga
  • Google Bard
  • Trend e statistiche AI

Leggi altri articoli di  

Stipendio medio italia 2024: trend e statistiche, fringe benefit 2024: cosa sono, come funzionano e come richiederli, digital marketing: cos’è e cosa fa uno specialista del settore, lavoro da casa: 18 idee per il 2024, dropshipping: cos’è e come funziona, 20 idee di prodotti da vendere online nel 2024.

Krista Fabregas è una professionista esperta nell'ambito dell'ecommerce e della redazione di contenuti online. Vanta oltre vent'anni di esperienza pratica, che mette al servizio di chi desidera lanciare e far crescere società di successo nel settore tecnologico. Tra le sue competenze rientrano l'avvio e lo sviluppo di attività di ecommerce, operazioni e logistica per le PMI, piattaforme per la creazione di siti web, sistemi di pagamento, marketing multicanale e redditi da attività collaterali e programmi di affiliazione. Krista ha conseguito la laurea in Lettere presso la University of Texas di Austin e ha ricoperto posizioni apicali presso la NASA, un'azienda Fortune 100 e diverse startup digitali.

Qual è la traduzione di "business plan" in Italiano?

"business plan" traduzione italiano, business plan {sostantivo}.

  • volume_up pianificazione aziendale
  • piano d'impresa
  • open_in_new Link alla fonte
  • warning Richiedi la revisione della frase

Esempi di utilizzo

English italian esempi contestuali di "business plan" in italiano.

Queste frasi vengono da fonti esterne e potrebbero essere non accurate. bab.la non è responsabile per il loro contenuto.

Esempi monolingue

English come usare "business plan" in una frase, traduzioni simili, traduzioni simili a "business plan" in italiano.

  • planimetria
  • architettare
  • pianificare
  • operazione commerciale
  • giro di affari
  • professione
  • business organisation
  • business outsource
  • business owner
  • business paper
  • business park
  • business partner
  • business partnership
  • business people
  • business performance
  • business person
  • business plan
  • business policy
  • business practice
  • business practices
  • business premises
  • business problem
  • business process
  • business profit
  • business profitability
  • business proposition
  • business proprietors

Puoi trovare più traduzioni nel dizionario Italiano-Tedesco di bab.la.

Accesso sociale

Vai alla pagina iniziale

Traduzione in italiano di "business plan"

  • business plan

Esempi di frasi che includono "business plan" business plan

Tendenze di business plan.

Guarda l'utilizzo nel periodo: Se esistono Ultimi 10 anni Ultimi 50 anni Ultimi 100 anni Ultimi 300 anni

in altre lingue business plan

  • Inglese americano : business plan / ˈbɪznɪs plæn /
  • Portoghese brasiliano : plano de negócios
  • Cinese : 企划书
  • Spagnolo europeo : plan de empresa
  • Francese : plan d'entreprise
  • Tedesco : Geschäftsplan
  • Italiano : piano di sviluppo di un'attività
  • Giapponese : 経営計画
  • Coreano : 사업 계획
  • Portoghese Europeo : plano de negócios
  • Spagnolo : plan de empresa

Consultazione alfabetica business plan

  • business class
  • business college
  • business expenses
  • business school
  • business sense
  • business trip
  • Tutte le INGLESE parole che iniziano con 'B'

Sfida veloce di parole

Quiz Review

Punto 0 / 5

Image

Aiuto per Wordle

Tile

Scrabble Tools

Image

What is the translation of "business plan" in Italian?

"business plan" in italian, business plan {noun}.

  • volume_up pianificazione aziendale
  • piano d'impresa

Translations

  • open_in_new Link to source
  • warning Request revision

Context sentences

English italian contextual examples of "business plan" in italian.

These sentences come from external sources and may not be accurate. bab.la is not responsible for their content.

Monolingual examples

English how to use "business plan" in a sentence, similar translations, similar translations for "business plan" in italian.

  • planimetria
  • architettare
  • pianificare
  • operazione commerciale
  • giro di affari
  • professione
  • business organisation
  • business outsource
  • business owner
  • business paper
  • business park
  • business partner
  • business partnership
  • business people
  • business performance
  • business person
  • business plan
  • business policy
  • business practice
  • business practices
  • business premises
  • business problem
  • business process
  • business profit
  • business profitability
  • business proposition
  • business proprietors

Translations into more languages in the bab.la Esperanto-English dictionary .

Social Login

Milioni di persone traducono con DeepL ogni giorno. Combinazioni più richieste con l'italiano: inglese-italiano, italiano-spagnolo e tedesco-italiano.

Correggi gli errori grammaticali e di ortografia, riformula intere frasi, esprimi al meglio ogni sfumatura di significato e scegli il tono adeguato ad ogni contesto.

  • AREA PREMIUM
  • Digital Transformation
  • Eventi e strategie
  • Innovation Management
  • Risk Management
  • Digital CFO
  • Governance, Risk e Compliance
  • Planning & Analytics
  • Invoice & Document

HR Transformation

  • Professioni digitali
  • Smart Working
  • Talent Management
  • Compliance normativa
  • Contrattualista dei servizi informatici
  • Privacy e dati personali
  • Advertising
  • Big Data e Analytics
  • Mobile e Social
  • Supply Chain
  • Logistica e Trasporti
  • Operations e PLM
  • Supply Chain Trends
  • Visibility e Collaboration
  • Procurement
  • Acquisti PA
  • Ciclo dell'ordine
  • Cyber security
  • Finanziamenti e incentivi
  • Industria 4.0
  • Made in Italy e innovazione
  • Omnichannel Marketing Trends
  • Cosa è un Business Plan, come si scrive e perchè è importante renderlo Lean (snello)
  • Digital 4Executive

È il documento che permette di catturare l’attenzione degli investitori, ma anche un processo che mira a raccogliere informazioni, effettuare analisi e valutazioni. Ha anche una fortissima valenza interna, per stimolare organizzazione e management a raggiungere gli obiettivi d’impresa. Ecco come si scrive e perché un Lean Business Plan è più efficace

Pubblicato il 22 Lug 2019

Spiega chi è l’azienda, cosa fa e come lo fa: ecco cos’è il Business Plan , il documento d’eccellenza per calamitare capitali e interesse degli investitori. Può essere più o meno corposo e dettagliato, descrive le strategie di un’impresa che già opera sul mercato, oppure il progetto imprenditoriale di una startup , e indica come il management intende perseguirle. In realtà,  il business plan  è più di un semplice documento. È anche il processo che porta a definire le caratteristiche fondamentali di un progetto imprenditoriale.

Per una startup, la realizzazione del Business Plan è una tappa cruciale sulla via del successo, tanto che spesso negli ultimi anni abbiamo assistito al proliferare di contest e competition in cui le imprese neo costituite si contendevano un finanziamento in denaro a suon di Business Plan. Saper catturare l’interesse degli investitori e delle banche permette di partire con il giusto passo e dare slancio alle strategie di espansione e internazionalizzazione. Ecco, quindi, alcuni consigli pratici su come si scrive un Business Plan aziendale.

Indice degli argomenti

Business Model e Business Plan

Business Model e Business Plan sono documenti importantissimi per le imprese. Nel Business Model l’azienda spiega i suoi valori fondanti, le soluzioni strategiche e organizzative che gli permettono di creare valore per i clienti e, più in generale, gli stakeholder, ovvero chiunque abbia un interesse verso le sue attività (dipendenti, azionisti, creditori…). Nel Business Plan, invece, l’azienda illustra che cosa farà per tradurre in pratica il Business Model, definendo più in dettaglio quanto tempo e quanto capitale serviranno per partire e affermarsi sullo scenario competitivo.

Cosa è (cosa non è) e a cosa serve un Business Plan

Il Business Plan è un documento che sintetizza “nero su bianco” tutte le caratteristiche salienti di un progetto imprenditoriale. Generalmente abbraccia un orizzonte temporale che va dai 3 ai 5 anni (medio termine) e per questo motivo deve essere periodicamente aggiornato sulla base dei risultati ottenuti.

«Il Business Plan – spiega Andrea Gaschi, Associate Partner di P4I – Partners4Innovation – è un processo che mira a raccogliere informazioni, effettuare analisi e valutazioni . È il risultato dell’applicazione di un insieme di metodologie tradizionali sviluppate nell’ambito di diverse discipline, come la strategia , il marketing , l’accounting, ricondotte all’interno di uno schema unitario».

Questo, in estrema sintesi, quello che è un Business Plan, ma cosa, invece, non è? «Di sicuro non è uno schema in Excel scaricato da Internet attraverso cui fare simulazioni economico-finanziarie. E nemmeno un template standard da riempire con i dati raccolti in azienda», prosegue.

Andrea Gaschi

Partner, P4I - Partners4Innovation

Come fare un Business Plan: la struttura

Il Business Plan ha una duplice funzione. Internamente, informa e guida il management nei processi decisionali. Esternamente, invece, promuove il progetto imprenditoriale verso gli stakeholder e gli operatori finanziari in particolare.

Il Business Plan si compone di due parti essenziali:

  • Parte descrittiva : indica i mercati di riferimento e il settore in cui opera l’azienda. Spiega la strategia, gli obiettivi, presenta il piano operativo, la società, i soci e il progetto che si vuole realizzare.
  • Parte economico-finanziaria : contiene la valutazione della sostenibilità economica e finanziaria del progetto e stima la sua redditività.

La parte descrittiva deve contenere l’analisi di tutta una serie di aspetti chiave, come quelli normativi, contabili e fiscali, la struttura del mercato e la concorrenza, gli aspetti organizzativi interni. La parte economico-finanziaria, invece, deve indicare le vendite previste e il Break Even Point (ovvero il livello di fatturato a partire dal quale l’azienda avrà smesso di coprire i costi iniziali e inizierà a guadagnare), i costi previsti, gli investimenti da sostenere con le relative coperture e il flusso di cassa.

Per le nuove attività sarà opportuno riportare gli stadi di sviluppo dell’iniziativa imprenditoriale, con l’indicazione di quali fasi sono già state completate e quelle che, invece, sono da avviare ex novo o da completare. Per le realtà che già operano sul mercato, invece, sarà importante far conoscere l’azienda e la sua storia (costituzione, assetto societario, situazione economica e finanziaria) oltre che i traguardi già ottenuti in passato.

Un modello di Business Plan

La domanda che molti si pongono è: cosa scrivere in un Business Plan? In realtà non esiste uno schema valido a priori per tutte i progetti imprenditoriali. Esiste, però, un elenco di contenuti che non possono mai mancare in un documento di questo tipo. Uno schema di riferimento del piano di business può essere questo:

  • Executive Summary : questa parte descrive in sintesi il progetto imprenditoriale, la storia dell’azienda, la mission, i business goals e come sarà organizzata e strutturata l’attività imprenditoriale.
  • Descrizione della società e del management : indica chi sono i soci e i manager, le funzioni e i ruoli, i loro curricula e background, le esperienze pregresse e i risultati ottenuti.
  • Descrizione dei prodotti e servizi : questa parte illustra in dettaglio i prodotti/servizi, con le loro caratteristiche distintive e le fonti di vantaggio competitivo. Inoltre, fa capire se sono già pronti per essere commercializzati o, al contrario, qual è il time-to-market ipotizzato per il loro lancio sul mercato.
  • Analisi del settore o dei settori di riferimento : spiega a quali consumatori target l’azienda si rivolge; come e perché i prodotti e servizi saranno in grado di assicurarle un vantaggio sostenibile e duraturo nel tempo.
  • Concorrenza e mercato : in questa sezione si inserisce una vera e propria analisi del mercato, indicando il posizionamento della società rispetto ai principali competitor diretti e indiretti e l’eventuale presenza di barriere all’entrata.
  • Strategie di marketing : indica le strategie commerciali identificando i canali ipotizzati per la distribuzione e le leve promozionali che saranno messe in atto.
  • Piano di realizzazione dell’idea di business : descrive, per ogni funzione aziendale, quali sono le attività necessarie per realizzare gli obiettivi della società, le relative tempistiche e, fattore sempre più rilevante negli ultimi anni, l’impatto ambientale delle attività produttive.
  • Fabbisogno di capitali : contiene la stima del capitale (di rischio e di debito) necessario per avviare l’impresa, indicando i termini, gli importi e le eventuali garanzie offerte.
  • Flussi finanziari: questa parte tratta le risorse finanziarie con cui si prevede di sostenere l’attività imprenditoriale, distinte tra capitale proprio (capitale sociale, utili…) e capitale di terzi (fondi, obbligazioni, debiti verso le banche…). È completata con la stima del Cash Flow Operativo, ovvero dei flussi di cassa che si generano con l’avvio dell’attività e che si ottengono scorporando dalle entrate legate alle vendite le uscite sostenute per l’acquisto di materie prime e semilavorati, costo del lavoro, imposte e tasse.

Executive Summary: cosa è e perché è importante

L’Executive Summary è la parte più importante del Business Plan, quella che permette di dare un’idea di cosa fa l’azienda, come lo fa e in cosa si distingue dalle altre. Si tratta della parte introduttiva del piano imprenditoriale, quella in cui vengono elencate e spiegate in modo sintetico le diverse parti del Business Plan, per fornire un’idea del progetto imprenditoriale. Questa è la parte che viene letta prima e quella su cui si gioca la possibilità di catturare l’interesse del lettore a proseguire la lettura. Ma come deve essere un Executive Summary per poter catturare l’attenzione e convincere? Ecco le caratteristiche del modello di riferimento più efficace.

  • Sintetico : l’Executive Summary è un sommario, ovvero un breve riassunto che tratta per sommi capi tutti i punti del piano di business che si andranno a sviluppare successivamente.
  • Chiaro : deve indicare quali sono gli obiettivi dell’impresa, quali sono i mercati target e con quali prodotti e servizi li si vuole approcciare. Ma soprattutto, un Business Plan deve essere sostenibile. Inutile porsi (e proporre agli stakeholder) obiettivi troppo ambiziosi, difficilmente raggiungibili.
  • Argomentato e concreto : deve supportare con dati realistici e credibili l’idea imprenditoriale e spiegare perché ritenete che la vostra azienda sarà una realtà di successo.
  • Scritto bene : sembra superfluo ricordarlo, ma un testo con errori di ortografia e refusi darà una pessima impressione del vostro operato e, di conseguenza, della vostra idea imprenditoriale.
  • Originale : per attirare l’attenzione di chi lo legge, l’Executive Summary deve esprimere la personalità e la creatività di chi lo ha redatto e dimostrare l’unicità dell’idea imprenditoriale.

Cosa deve contenere l’Executive Summary

Ovviamente, non esiste uno schema preciso di ciò che deve contenere un Executive Summary, perché il suo contenuto dovrà essere plasmato sull’azienda, i suoi soci e i suoi obiettivi di business. Esistono, però, alcuni argomenti ricorrenti, che sarebbe meglio indicare in un Executive Summary. Eccoli.

  • Background del management Chi siete, qual è la vostra storia di imprenditori, quali sono le vostre esperienze pregresse e quali risultati avete ottenuto.
  • Prodotti e servizi Qual è il vostro core business, quali sono le peculiarità dei vostri prodotti/servizi e qual è il loro valore aggiunto per i clienti.
  • Settori di mercato cui ci si rivolge A quali mercati vi rivolgete e perché li avete identificati come potenzialmente interessanti, quali sono le prospettive di crescita future dei segmenti di mercato che coprite.
  • Piano finanziario Qual è il fabbisogno di capitali della vostra azienda e in che modo avete pensato di accedere a queste risorse finanziarie.
  • Piano di marketing Qual è il marketing mix, quali sono le strategie di marketing e le tattiche, che tipo di canali intendete utilizzare e in che modo.

Ovviamente, queste sono linee generali, ma i contenuti dell’Executive Summary variano in relazione alla tipologia di interlocutori cui vi rivolgete. Il vostro obiettivo principale è reperire capitale o fondi di debito? Questo significa che i vostri interlocutori sono i potenziali investitori, le banche, le finanziarie, i fondi. In questo caso bisognerà valorizzare soprattutto la sostenibilità finanziaria della vostra idea imprenditoriale.

I vantaggi dell’utilizzo di un Business Plan

La possibilità di mettere “nero su bianco” gli obiettivi aziendali e definire le strategie utili per realizzarli permette all’imprenditore di organizzare al meglio la propria attività e razionalizzare i percorsi strategici. Il Business Plan, inoltre, aiuta gli intermediari finanziari (banche, fondi, finanziarie…) a valutare meglio il grado di rischiosità dei propri investimenti nella nuova impresa. Infine, il Business Plan è una cartina di tornasole per l’imprenditore, che viene aggiornato sulle opportunità e i rischi dell’attività. Il piano, infatti, non esaurisce la sua utilità al momento della costituzione della nuova impresa ma dovrà essere periodicamente aggiornato , controllando il raggiungimento effettivo dei risultati economico finanziari indicati e predisponendo possibili “aggiustamenti” in corso d’opera alle strategie aziendali. E se è vero che un buon Business Plan non è la garanzia del successo dell’impresa, è vero che se ben congeniato ed eseguito riduce sensibilmente i rischi di fallimento, sia perché evidenzia tutti gli aspetti da monitorare per la riuscita del progetto e sia perché la sua natura dinamica permette di adottare con il giusto anticipo le azioni correttive necessarie per centrare gli obiettivi dichiarati.

Lean Business Plan per massimizzare le performance

«Pianificare è essenziale ma i piani sono generalmente inutili», sosteneva il generale americano Dwight Eisenhower . I Business Plan tradizionali sono lunghi e complessi, difficili da aggiornare. La conseguenza è che spesso rimangono chiusi in un cassetto, perché nessuno vuole assumersi la responsabilità di intervenire su questi documenti.

L’applicazione del modello Lean alla procedura di elaborazione del Business Plan aiuta le aziende a ridurre i tempi di stesura, la lunghezza e la complessità del documento. Un Business Plan Lean è un documento snello, che permette di valutare con facilità i risultati ottenuti e procedere rapidamente agli aggiustamenti necessari per ottenere miglioramenti incrementali sui risultati di business, riducendo al minimo i rischi di insuccesso.

Un Lean Business Plan permette al management di aumentare le opportunità di successo, ragionando in un’ottica di “piccoli passi”. «Il business planning lean – spiega Marco Planzi, Associate Partner di P4I – Partners4Innovation – è un processo interno all’azienda che aiuta a sviluppare una strategia imprenditoriale solida, a rivederla non appena si conoscono meglio i clienti e i loro bisogni e misurare in modo preciso le performance ». L’adozione di questo approccio agile e minimalista permette di compilare un piano di business in meno di un’ora puntando sui soli elementi essenziali, riducendo al minimo fronzoli e ridondanze con la certezza di mettere a fuoco da subito il Business Model più efficace rispondendo a poche, semplici, domande. Il Lean Business Plan, prosegue Planzi, «sintetizza ciò che succederà e quando, chi è responsabile di cosa e quello che ci si deve aspettare in merito alle vendite, alle spese e ai flussi di cassa».

Marco Planzi

Associate Partner, P4I-Partners4Innovation

Ma quali sono gli elementi di un Lean Business Plan? Secondo gli esperti di P4I – Partners4Innovation, le componenti essenziali sono 4:

  • Strategia : cosa si vuole fare
  • Tattica : come si farà
  • Execution : chi farà cosa
  • Financials : quali risultati si otterranno

Il Lead Business Plan è, quindi, ben più di un documento, piuttosto è un processo che mira al miglioramento continuo delle performance d’impresa. Dopo aver definito una strategia, dopo averla tradotta in pratica e analizzato i risultati ottenuti, sarà possibile intervenire sul Business Plan e ricominciare daccapo, in un processo virtuoso continuo.

I documenti da allegare al Business Plan

Una volta scritto il documento vero e proprio, bisogna capire quali documenti ha senso allegare al Business Plan. Il piano serve anche a supportare la pianificazione economica e finanziaria dell’impresa, infatti generalmente al documento principale si allegano lo Stato Patrimoniale, il Conto Economico e il Prospetto di Tesoreria. I preventivi dei fornitori e i contratti già siglati serviranno a dare consistenza al piano economico-finanziario, insieme alle stime e alle ricerche sui mercati target. Se il progetto imprenditoriale si realizza come emanazione ( spinoff ) di una società che già opera sul mercato, è utile allegare l’ atto costitutivo e lo statuto, che elencano i soci e presentano gli schemi di funzionamento della società, gli organi aziendali, i poteri degli amministratori, i criteri di ripartizione degli utili… Il curriculum vitae dei soci è importante, perché mette in evidenza la loro formazione ed esperienza, la conoscenza del settore e le motivazioni che li spingono verso la realizzazione delle idee di business. Oltre al C.V. è necessario allegare la situazione patrimoniale e finanziaria dei soci, che offrono una misura della loro capacità di far fronte alla richiesta di restituzione del capitale preso in prestito.

Conclusioni

I vantaggi di un piano imprenditoriale ben congeniato ed eseguito sono numerosi. «Spesso – conclude Gaschi – la stesura del Business Plan è vista come un adempimento dovuto per accedere a finanziamenti e capitale di debito. In realtà, si tratta di un documento che serve in primis al personale, per capire a fondo l’organizzazione , e al management , per dimostrare la caratura del progetto d’impresa, definire l’assetto economico-finanziario e incentivare, attraverso la pianificazione, il miglioramento delle performance aziendali».

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Approfondimenti

Articoli correlati

Data driven marketing

07 Giu 2023

25 Gen 2019

Digital skills

28 Feb 2018

  • view_list Articoli correlati

Devi essere connesso per inviare un commento.

  • I KPI del Marketing: le metriche fondamentali per la misurazione delle performance
  • Formazione aziendale, è ora di cambiare. «Prendete spunto da Netflix e Amazon»
  • Il Digital DNA: una mappa per muoversi nel labirinto delle competenze digitali

Articolo 1 di 4

I tuoi contenuti, la tua privacy!

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici necessari alla navigazione e funzionali all’erogazione del servizio. Utilizziamo i cookie anche per fornirti un’esperienza di navigazione sempre migliore, per facilitare le interazioni con le nostre funzionalità social e per consentirti di ricevere comunicazioni di marketing aderenti alle tue abitudini di navigazione e ai tuoi interessi.

Puoi esprimere il tuo consenso cliccando su ACCETTA TUTTI I COOKIE. Chiudendo questa informativa, continui senza accettare.

Potrai sempre gestire le tue preferenze accedendo al nostro COOKIE CENTER e ottenere maggiori informazioni sui cookie utilizzati, visitando la nostra COOKIE POLICY .

Cookie Center

Tramite il nostro Cookie Center, l'utente ha la possibilità di selezionare/deselezionare le singole categorie di cookie che sono utilizzate sui siti web.

Per ottenere maggiori informazioni sui cookie utilizzati, è comunque possibile visitare la nostra COOKIE POLICY .

COOKIE TECNICI

I cookie tecnici sono necessari al funzionamento del sito web perché abilitano funzioni per facilitare la navigazione dell’utente, che per esempio potrà accedere al proprio profilo senza dover eseguire ogni volta il login oppure potrà selezionare la lingua con cui desidera navigare il sito senza doverla impostare ogni volta.

COOKIE ANALITICI

I cookie analitici, che possono essere di prima o di terza parte, sono installati per collezionare informazioni sull’uso del sito web. In particolare, sono utili per analizzare statisticamente gli accessi o le visite al sito stesso e per consentire al titolare di migliorarne la struttura, le logiche di navigazione e i contenuti.

COOKIE DI PROFILAZIONE E SOCIAL PLUGIN

I cookie di profilazione e i social plugin, che possono essere di prima o di terza parte, servono a tracciare la navigazione dell’utente, analizzare il suo comportamento ai fini marketing e creare profili in merito ai suoi gusti, abitudini, scelte, etc. In questo modo è possibile ad esempio trasmettere messaggi pubblicitari mirati in relazione agli interessi dell’utente ed in linea con le preferenze da questi manifestate nella navigazione online.

Clicca sul pulsante per copiare il link RSS negli appunti.

Voice speed

Text translation, source text, translation results, document translation, drag and drop.

business plan tradurre in italiano

Website translation

Enter a URL

Image translation

  • inglese italiano
  • italiano inglese
  • italiano francese
  • italiano spagnolo
  • italiano tedesco
  • italiano portoghese
  • italiano rumeno
  • italiano neerlandese
  • italiano polacco
  • italiano greco
  • italiano danese
  • italiano svedese
  • italiano finlandese
  • italiano irlandese
  • italiano maltese
  • italiano sloveno
  • italiano lituano
  • italiano estone
  • italiano slovacco
  • italiano ungherese
  • italiano lettone
  • italiano bulgaro
  • italiano ceco
  • italiano croato
  • italiano giapponese
  • italiano coreano
  • italiano cinese
  • italiano russo
  • Altre lingue

Dizionario inglese - italiano

Business   plan, piano aziendale.

Un modello aziendale non deve essere confuso con il piano aziendale .

Vuoi iniziare una nuova attività e hai bisogno di un piano aziendale rapido e semplice?

Piano aziendale : il tuo piano organizzativo e operativo

Le autorità polacche hanno fornito alla Commissione il piano aziendale di Crist (in appresso il piano aziendale ).

Se SÌ, ecco una guida approfondita e un modello di esempio su come scrivere una sezione del piano operativo del piano aziendale realizzabile.

Ogni modello aziendale richiede un diverso formato del piano aziendale .

Il piano aziendale e le tipologie di piani aziendali.

A seconda delle dimensioni del piano aziendale , i contenuti del piano aziendale sono naturalmente diversi.

Produzione di argilla espansa: organizzazione aziendale , produzione domestica, piano aziendale

Piano economico-finanziario

Business plan e piano economico-finanziario : il controllo di gestione

Business plan e piano economico-finanziario : la fattibilità dell’idea

non è necessariamente richiesto un piano economico-finanziario ex ante

non sarebbe necessariamente richiesto un piano economico-finanziario ex ante

Significato di business plan in inglese

Your browser doesn't support HTML5 audio

  • make time idiom
  • set the agenda idiom
  • slot someone/something in
  • social calendar
  • spread something over something

Puoi anche trovare parole associate, frasi e sinonimi negli argomenti

business plan | Inglese per gli affari

Esempi di business plan, traduzioni di business plan.

Ottieni una traduzione veloce e gratuita!

{{randomImageQuizHook.quizId}}

Parola del Giorno

Something that is striped has stripes on it.

The world is your oyster! (Idioms with the word ‘world’, Part 1)

The world is your oyster! (Idioms with the word ‘world’, Part 1)

business plan tradurre in italiano

Parole Nuove

Scopri di più con +Plus

  • Recente e raccomandato {{#preferredDictionaries}} {{name}} {{/preferredDictionaries}}
  • Definizioni Chiare spiegazioni della lingua inglese reale scritta e parlata Inglese Learner’s Dictionary Essential British English Essential American English
  • Grammatica e Thesaurus Spiegazioni dell’uso della lingua inglese reale scritta e parlata Grammatica Thesaurus
  • Pronunciation British and American pronunciations with audio English Pronunciation
  • Inglese–cinese semplificato Chinese (Simplified)–English
  • Inglese–cinese tradizionale Chinese (Traditional)–English
  • Inglese–olandese Olandese–inglese
  • Inglese–francese Francese–inglese
  • Inglese–tedesco Tedesco–inglese
  • Inglese–indonesiano Indonesiano–inglese
  • Inglese–italiano Italiano–inglese
  • Inglese–giapponese Giapponese–inglese
  • Inglese–norvegese Norvegese–inglese
  • Inglese–polacco Polacco–inglese
  • Inglese–portoghese Portoghese–inglese
  • Inglese–spagnolo Spagnolo–inglese
  • English–Swedish Swedish–English
  • Dictionary +Plus Elenchi di parole
  • Inglese    Noun
  • Business    Noun
  • Translations
  • Tutte le traduzioni

Aggiungi business plan a uno dei tuoi elenchi di parole qui sotto o creane uno nuovo.

{{message}}

Spiacenti, si è verificato un errore!

Si è verificato un errore nell’invio della segnalazione.

Get 45% OFF with the 12-Month Challenge. Hurry! Ends Soon!

Italian Business Language for Doing Business in Italy

Thumbnail

Did you land the perfect job in an Italian design firm? Do you want to start expanding your business in Italy? Are you applying for a job in Rome and need to update your CV and interviewing skills with the proper Italian business language?

We know that workplaces, job interviews, and starting a new job can be stressful. And what about talking on the phone with a client or boss? Not to mention the art of writing the perfect email or a convincing CV. Now imagine having to manage all of this in Italian…  If you want to succeed in any of these activities, you’ll need to master the basic Italian business phrases and vocabulary .

A Woman in a Red Jacket Standing in the Center of Several People in Black Suits

Let’s do business with style!

But don’t worry! We’ve put together this practical guide on how to succeed in the Italian business world. We’ll guide you through all you need to know to be at your best in the most common business situations .

  • First Things First
  • Business Words and Phrases
  • Nail a Job Interview
  • Interacting with Coworkers
  • Sound Smart in a Meeting
  • How to Handle Emails and Business Phone Calls
  • Go on a Business Trip

1. First Things First

In any social situation, the first code that you have to learn is how to greet and address others. In a work or business situation, this is even more important. So let’s start by going over the correct way to meet and greet in Italian.

1 – Greetings

First of all, you’ll need to say hello . The best Italian business greetings for this are:

  • This can be used in formal and informal settings, and it’s the appropriate greeting to use until the early afternoon.
  • This is the greeting that you start using in the late afternoon.
  • This is a very informal way of greeting, and it can be used only in situations where everybody is very informal, or if you know everybody very well.

Now, if you’re in a business meeting and need to introduce yourself for the first time, here are the most common formulas:

  • It’s actually the shorter version of the next phrase.
  • Piacere di conoscerla (“It’s a pleasure to meet you”)
  • This is just another version of the same formula.

In professional settings, you’re expected to use the appropriate title to address professionals. Some examples include: 

  • Dottore / Dottoressa (“Doctor”) – This one is also used for anybody with a university degree.
  • Avvocato (“Lawyer”)
  • Ingegnere (“Engineer”)
  • Architetto (“Architect”)

When it’s time to leave the office , just use the most common goodbye phrases:

  • Arrivederci (“Goodbye”) is the best way to bid farewell in Italian, since it can be used in both formal and informal situations. Additionally, it can be used to address a single person or a crowd, as it literally means “We’ll see each other.”
  • If you want to be more formal, use Arrivederla , which is the same formula, but using the Lei form (which we’ll review below).
  • Ciao (“Bye”) is a good option if you’re very familiar with your coworkers. In Italian, it means both “hello” and “bye.”

Two Businesswomen Shaking Hands

Arrivederci!

2 – “Tu” or “Lei”?

Like other Romance languages, Italian has two different forms for addressing people in the second person, depending on the degree of familiarity or informality of the situation.

In professional settings, it’s normally expected for you to address everybody with the formal “you” ( lei ). Notice that while it looks like the pronoun for “she,” lei agrees with the gender of the person.

  • Signor Rossi, Lei è mai andato in barca a vela? (“Mr. Rossi, have you ever sailed?”)

The rule of thumb is that you formally address all people that are older than you, those who are hierarchically higher than you, and unfamiliar people in formal settings.

Nowadays, especially in typically younger workplaces (startups, design firms, new-economy, etc.), it’s becoming more and more common to address everybody informally. But just to be sure:

  • See if the people around you use tu or lei and do the same.
  • Wait for your interlocutor to ask: Possiamo darci del tu? (“Can we switch to informal you?”).

2. Business Words and Phrases

Business Phrases

Here is the most basic Italian business vocabulary you should know.

1 – The Company

Depending on your line of business, you probably work in one of these places:

  • Una società / Un’azienda / Un’impresa (“Company”)
  • Un’agenzia (“Agency”) – usually refers to marketing, advertising, or a generally creative workplace
  • Un ufficio (generic “Office”)
  • Una fabbrica (“Factory”) – not to be confused with fattoria , which means “farm”
  • Un laboratorio (“Laboratory”)

Because there are many different types of companies, you’ll probably hear the following definitions to describe a specific Italian business:

  • Società per Azioni (Spa) is a company with shares in the stock market.
  • Società a Responsabilità Limitata (Srl) is a company with limited responsibility.
  • Cooperativa (“Cooperative”)
  • Multinazionale ( “Multinational”)
  • Azienda familiare (“Family business”)
  • Un’associazione (senza fini lucrativi) (“A non-profit organization”)

2 – Let’s Talk About Work

Here’s a basic Italian business vocabulary list with the basic words and expressions for talking about work .

  • Lavorare (“To work”)
  • Lavoro / Mestiere / Occupazione (“Job”)
  • Professione (“Profession”)
  • Cercare lavoro (“To look for a job”)
  • Annuncio di lavoro (“Job listing”)
  • Assumere (“To hire”)
  • Assunzione (“Recruitment”)
  • Lavoretto [Casual] (“Job”)
  • Posizione   (“Position”)
  • Carriera (“Career”)
  • Contratto di lavoro (“Contract”)
  • Licenziare (“To fire”)
  • Licenziamento (“Dismissal”)

A Man Carrying a Box of His Office Things

Sono stato licenziato… (“I was fired…”)

3 – The Workplace

Here are some business Italian words and phrases regarding various elements in a typical workplace. For example, different positions and responsibilities, management, and the place of work itself.

  • Il personale (“The staff”)
  • Impiegato/a (“Employee”)
  • Funzionario/a (“Employee of a public service”)
  • Stagista (“Intern”)
  • Il capo (“The boss”)
  • Amministratore delegato (“CEO”) 
  • Direttore / Direttrice (“Director”)
  • Datore di lavoro (“Employer”)
  • Consiglio di amministrazione (“Board of Directors”)
  • Risorse umane (“Human Resources”)
  • Il capo del personale (“Chief of Staff”)
  • Area di marketing (“The marketing department”)
  • Area di vendita (“The sales department”)
  • Area tecnica (“The technical department”)
  • Ufficio contabilità (“The accounting department”)

4 – Talking About Money

Talking about money is inevitable when discussing jobs or business, so here’s the essential vocabulary for money talk:

  • Lo stipendio (“The salary”)
  • L’aumento di stipendio (“The salary increase”)
  • La busta paga (“The payslip”)
  • Un anticipo (“An advance payment”)
  • Detrazioni sullo stipendio (“Payroll deductions”)

A Photo Representing the Gender Pay Gap

Let’s talk about money, shall we?

  • Le tasse (“The taxes”)
  • Il budget (“The budget”)
  • Il bilancio (“The financial statement”)
  • I ricavi (“The revenues”)
  • Il costo (“The cost”)
  • Il margine (“The margin”)
  • Il profitto (“The profit”)
  • Il volume d’affari (“The turnover”)
  • Gli affari (“Business,” as in doing business)
  • Un affare (“A deal,” as in closing a deal)
  • Le azioni (“The stocks”)
  • Il mercato azionario (“The stock market”)
  • Le azioni salgono (“Stocks are rising”)
  • Le azioni scendono (“Stocks are declining”)
  • Le azioni sono crollate! (“Shares have collapsed!”)

3. Nail a Job Interview

Job Interview

So, you’ve sent your curriculum (“CV”) and have made it to a colloquio di lavoro (“job interview”) for your lavoro ideale (“dream job”) in Italy. And now? Well, you already know how to greet, introduce yourself, and properly address your interlocutor. Now it’s time to prepare for typical job interview questions and start talking about you and your past experiences!

  • Mi parli di lei. (“Tell me about yourself.”)
  • Quali sono le sue esperienze lavorative? (“What are your work experiences?”)
  • Ha esperienza professionale in questo campo? (“Do you have professional experience in this field?”)

Be prepared to answer questions about your good qualities and shortcomings:

  • Quali sono le sue migliori qualità? (“What are your best qualities?”)
  • Faccia la lista di tre suoi difetti. (“List three shortcomings.”)
  • Racconti un suo successo professionale. (“Tell me about a professional achievement.”)
  • Parli di un problema lavorativo e come lo ha superato. (“Talk about a professional problem and how you got over it.”)
  • Qual è il suo punto forte/debole? (“What is your strength/weakness?”)

Another important factor in job interviews is to show your motivation and willingness to be a team player!

  • Perché ha deciso di cambiare lavoro? (“Why have you decided to change jobs?”)
  • Perché pensa di essere la persona giusta per questa posizione? (“Why do you think you are a good fit for this position?”)
  • È abituata al lavoro di squadra? (“Are you used to teamwork?”)

An Older Woman Knitting Something

What are your hobbies?

But none of this matters if you don’t leave a good impression on your interviewer. So, be prepared to have something fun to say when you’re asked:

  • Come passa il tempo libero? (“What do you do in your free time?”)
  • Mi parli dei suoi hobby. (“Tell me about your hobbies.”)

And last but not least, don’t forget to show decisiveness in your stretta di mano (“handshake”).

4. Interacting with Coworkers

Ottimo lavoro! (“Good job!”) 

Now you’re the neo-assunto (“newly hired”) at an Italian company and it’s time to meet your colleghi (“coworkers”). 

Like in many offices around the world, it’s probable that your scrivania (“desk”) will be in an open space, with no walls (and no privacy!). This means that fare amicizia (“making friends”) with the other employees will happen a lot faster than in closed office environments, and you can help out (and ask for help) more often. 

Here’s some useful Italian for business conversations with coworkers:

  • Possiamo darci del tu? (“Can we switch to informal you?”)
  • Posso chiedere un favore? (“Can I ask you a favor?”)
  • Hai bisogno di aiuto? (“Do you need help?”)
  • Ho un problema con la stampante. (“I have a problem with the printer.”)
  • È finita la carta della fotocopiatrice. (“We are out of photocopy paper.”)
  • Facciamo una pausa caffè? (“How about a coffee break?”)
  • Ti va un’apericena dopo il lavoro? (“Are you up for a drink after work?”)

5. Sound Smart in a Meeting

Riunioni (“Meetings”) are an important part of every job. Sometimes they are brief and to the point (called briefing in Italian, too), and sometimes they are endless and pointless… But still, you need to prepare yourself for them, right?

Here are some useful phrases to help you out in Italian business meetings:

  • A che ora comincia la riunione? (“What time is the meeting?”)
  • È pronta la presentazione / il powerpoint? (“Is the slideshow ready?”)
  • In questa slide presento il grafico del 2019. (“In this slide, I show a 2019 graph.”)
  • Vorrei suggerire una modifica. (“I would like to suggest a change.”)
  • Vorrei sentire la vostra opinione. (“I would like to hear your opinion.”)
  • La riunione si farà in video-conferenza. (“The meeting will be on a video conference.”)
  • Puoi condividere lo schermo? (“Can you share your screen?”)
  • Sono d’accordo. / Non sono d’accordo. (“I agree.” / “I disagree.”)

And of course, you’ll need to talk about projects and deadlines, as well as negotiate with your supervisors:

  • Le diverse fasi del progetto (“The different stages of the project”)
  • Quando è la scadenza? [Leri!] (“When is the deadline?” [“Yesterday!”])
  • La scadenza è dietro l’angolo. (“The deadline is around the corner.”)
  • Il progetto sta andando benissimo. (“The project is going very well.”)
  • Qual è la mia funzione / il mio compito nel progetto? (“What is my role / my task in the project?”)

Sometimes it’s necessary to raise concerns:

  • Non c’è abbastanza tempo. (“There is not enough time.”)
  • Non abbiamo il budget per ___. (“We don’t have the budget for ___.”)
  • Non abbiamo le risorse per ___. (“We don’t have the resources for ___.”)
  • L’obiettivo non è realistico. (“This goal is not realistic.”)
  • C’è un errore in questi dati. (“There is a mistake in this data.”)
  • Chi prepara la documentazione? (“Who is in charge of the documentation?”)

Business People Asleep in a Meeting

Thank you for your attention…

You might even need to apologize from time to time. Don’t be afraid of it! 

  • Mi dispiace. (“I’m sorry.”)
  • Non si ripeterà. (“It won’t happen again.”)
  • Scusate il ritardo. (“Sorry I am late.”)

And at the end of the business meeting, thank and congratulate everybody:

  • Grazie della partecipazione. (“Thanks for the attendance.”)
  • Ottimo lavoro! (“Great work!”)
  • Bel lavoro di squadra! (“Good team work!”)

6. How to Handle Emails and Business Phone Calls

Among the most useful Italian business phrases are those for business phone conversations and letters/emails.

First, once and for all, let’s clear a doubt that most Italians still have: The Italian dictionary considers the forms e-mail or mail to be correct (though many people also write email …). And, in case you were wondering, it’s a feminine noun: un’e-mail / la mail . Note that some people still call it la posta elettronica . Very retro, isn’t it?

Here are a few Italian business email phrases that are sure to come in handy:

  • Devo rispondere a un mare di e-mail. (“I have to answer a ton of emails.”)
  • Mi dai la tua e-mail? (“Can you give me your email address?”)
  • Il destinatario (“The recipient”)
  • Il mittente (“The sender”)
  • L’oggetto (“The object”) 
  • il corpo della mail (“The body of the email”)
  • Ho dimenticato l’allegato… (“I forgot the attachment…”)

Emails and formal letters tend to use many of the same formulas for addressing the recipient: 

  • Spettabile (“Esteemed”) is used when we are addressing a company or firm.
  • Gentile Sig.ra Maria Rossi
  • Gentile Dott.ssa Anna Verdi
  • Gentile Arch. Carla Bianchi
  • Egregio Sig. Mario Rossi
  • Egregio Prof. Luca Verdi
  • Egregio Avv. Gino Bianchi

You can write whatever you want in your letter or email, but make sure the closing follows the conventions of Italian business correspondence. Here are some formulas for a proper Italian business email sign off or letter closure that you can copy-paste ( copia e incolla ) in your emails/letters. We’ll start with the most formal and end with the most relaxed and friendly:

  • In attesa di un Suo riscontro, voglia gradire i miei più cordiali saluti. (“Pending your feedback, please accept my best regards.”)
  • La ringrazio per l’attenzione e La saluto cordialmente. (“Thank you for your attention and best wishes.”)
  • Distinti saluti. (“Yours sincerely.”)
  • Cordiali saluti. (“Best regards.”)
  • Grazie e a presto. (“Thank you, see you soon.”)

When using formal language, you’re supposed to capitalize the initial letter of the personal pronoun ( Suo , La , etc.). But nowadays, some people consider it to be very archaic and prefer not to. (Like me, for example!) 😉

The good thing about writing an email is that you have time to think about what you want to say and to make corrections before sending it. Not so for phone calls, where you have to be on your toes and prepared to improvise. 

To help you out, here are the essential phrases for handling any phone call with no stress at all!

  • Pronto? (“Hello?”) – Literally, it means “ready,” and you better be ready for what comes next…
  • Con chi parlo? (“Whom am I talking to?”)
  • In cosa posso aiutarla? (“How can I help you?”)
  • Posso parlare con ___, per favore? (“May I please talk to ___?”)
  • Può/puoi passarmi ___, per favore? (“Can you please pass me [to]  ___?”)
  • Un attimo. / Resti in linea. (“One moment.” / “Hold on.”)
  • Al momento non è al suo posto / alla scrivania. (“At the moment, he/she is not at his/her desk.”)
  • Vuole lasciare un messaggio? (“Do you want to leave a message?”)
  • Disturbo? / È occupato/a? (“Am I bothering you?” / “Are you busy?”)

A Woman Working Late at Night

Just one more email…

7. Go on a Business Trip

Many job descriptions include the need for traveling ( disponibilità a viaggiare ). Business trips can be a lot of fun, but let’s face it: sometimes they turn out to be nightmares. But let’s stay positive and prepare for a really nice viaggio di lavoro (“business trip”).

When you go on a business trip, you might go to visit other offices of your company:

  • La sede (“The head office”)
  • La succursale (“The branch”)
  • La filiale (“The subsidiary”)

You might go to an event:

  • La conferenza (“The conference”)
  • Il convegno (“The convention”)
  • Un corso di aggiornamento (“A refresher course”)
  • Una fiera internazionale (“An international fair”)

No matter the reason or location, you’ll need to get organized and make a few arrangements:

  • Hai prenotato il volo per Roma? (“Did you book your flight to Rome?”)
  • Ho prenotato l’albergo a nome Rossi. (“I booked the hotel on behalf of Rossi.”)
  • A che ora apre il check-in? (“What time does the check-in open?”)
  • Ho incontrato il cliente ad un pranzo di lavoro. (“I met the client at a business lunch.”)
  • Possiamo incontrarci all’aeroporto e prendere un taxi insieme? (“Can we meet at the airport and share a taxi?”)

And then it’s time to go back home:

  • Comprare un souvenir all’ultimo minuto (“Buy a last-minute souvenir”)
  • Conservare gli scontrini (“Saving the receipts”)
  • Chiedere il rimborso spese (“Ask for reimbursement”)

8. Conclusion

How do you feel about Italian business language now? Are you ready to plunge into business letters and emails, phone calls, and coffee breaks? In this guide, you’ve learned the most common and useful business phrases in Italian, and you’re now ready to go to work and get down to business in Italian!

Are there other phrases or expressions that we missed? If you have any questions or suggestions, please leave us a comment below! And don’t forget to take advantage of all the free resources on ItalianPod101.com . Here, you’ll find grammar lessons, vocabulary lists, and tons of audio and video material to get you ready to spend the time of your life in Italy.

Do you need more? With our Premium PLUS service, you can have unlimited access to a teacher and one-on-one coaching. With MyTeacher , you’ll learn at your own pace with fast, fun, and easy lessons, and at the same time get personalized feedback and advice.

Keep up the good work!

Or sign up using Facebook

Got an account? Sign in here

business plan tradurre in italiano

How To Say ‘Thank you’ in Italian

business plan tradurre in italiano

How to Say Hello in Italian – Guide to Italian Greetings

business plan tradurre in italiano

How to Say I Love You in Italian – Romantic Word List

business plan tradurre in italiano

2022 Guide to Improving Your Italian Conversation Skills!

business plan tradurre in italiano

Countries and Nationalities in Italian

business plan tradurre in italiano

Learn the Most Useful Advanced Italian Phrases

How to celebrate april fools’ day in italian.

  • Forum Spotlight
  • Scheduled Maintenance
  • Erica in Italy
  • Italian Holidays
  • Italian Language
  • Italian Translation
  • Advanced Italian
  • Italian Alphabet
  • Italian Grammar
  • Italian Lessons
  • Italian Online
  • Italian Phrases
  • Italian Podcasts
  • Italian Words
  • Tips & Techniques
  • Living in Italy
  • Media Coverage
  • Feature Spotlight
  • Speak Italian
  • Success Stories
  • Teaching Italian
  • Team ItalianPod101
  • Word of the Day
  • Immigration, Visas

Copyright © 2024 Innovative Language Learning. All rights reserved. ItalianPod101.com Privacy Policy | Terms of Use . This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

  • Skip to primary navigation
  • Skip to main content
  • Skip to footer

START LEARNING LANGUAGES NOW

Business Italian: a Language for Work and Trade

By Fabio 4 Comments

Business Italian: a Language for Work and Trade

Hey dear fellow language learner, so you’d love to learn Business Italian , the Italian used in professional environments? 🧰

Let me give you in this post the keys to succeed.

It’s a great thing, to learn the business language once you are already quite fluent in Italian .

There is a bunch of reasons for doing so: first and foremost, Italians are not proficient English speakers . Or proficient in other languages, for what matters; not even the cultural elite of the country. It’s an old problem with deep roots.

To make business in Italy and/or with Italians, to master Italian and business Italian in particular comes extremely helpful .

Secondly, you can be quite fluent in Italian – and there are many who do. But it might not be enough.

Let me walk you through the reasons to learn business Italian and how to do that.

Why is important to learn Business Italian

To neglect business Italian, if you have working dealings with Italy, is a mistake.

The moment you tip your toes in a business environment, you realize that having a grasp of general Italian is definitely not enough:

  • You don’t want to be, in a meeting, the only one who does not understand what’s being decided;
  • you know business is increasingly challenging. Most employees do not spend the necessary amount of time to train new hires, as in the good old days were doing;
  • you want to secure your job and possibly increase your salary , and that comes only with the added value you can bring to your position.

That’s for when you work in Italy, or work for a foreign branch of an Italian company. But you may have other dealings with the Italian-speaking business dimension:

  • Selling to Italians ;
  • purchasing from Italians;
  • collaborating with Italian Chambers of Commerce ;
  • showcasing your products and services in a trade fair in the Belpaese;
  • getting a job in Italy ;
  • applying for a job in an Italy-based international organization (Apimondia, Unicri, FAO, UNHCR, WFP, among others).

If you want to sell to Italians, well, who doesn’t love to hear the sound of his own language ? It’s a no-brainer for a salesperson.

But if you’re the client and you source services or materials from Italy, a solid comprehension of business Italian can be incredibly beneficial too.

If you took part in negotiations in your life, you know what I mean.

Business meeting in Italian

Italy, despite Italians 🤭, it’s quite a prosperous country. It’s world’s seventh economy, Europe’s forth behind Germany, France and UK.

It’s a synonym for fashion, design, industrial equipments, cars, luxury, food and cultural heritage. Italy’s exports reach the four corners of the world. I bet a lot of stuff sold in your country comes from mine.

Few examples:

  • It is Austria’s 2nd market, with 7.9B GBP, as well as its 2nd supplier, with 8B GBP.
  • It is France’s 3rd market, with 30.8B GBP, as well as its 2nd supplier, with 37.2B GBP.
  • It is Germany’s 4th market, with 56B GBP, as well as its 3rd supplier, with 45.3B GBP.

From the UK, Italy imports goods and services for 9.8B GBP; to UK, it exports an overall value of 19.3B GBP.

So, if I had at least an intermediate level of Italian , I’d certainly learn some business Italian. It is just the same for speakers of foreign languages when learning English.

It’s hard to find equities, P&L statements, blue chips, tariff rollbacks, Pension Schemes Act and fix term saving accounts in general English materials.

And when it’s about money , we all want to understand very well what’s at stake.

The recipe for learning business Italian the proper way is a combination of self-teaching and study with a qualified tutor. Let me tell you how to do it.

Resources to learn Business Italian

There’s some material, written in English or German or French. In any case, in my opinion as of an intermediate level you should already deal with monolingual textbooks such as this:

Business Italian

Italiano Per Economisti , by McLoughlin, Pla and Schiavo

This is quite an informative book.

I like it because it skip those useless parts so common in such textbooks, such as pieces of the Civil Code or labour legislation without neither translation nor interpretation.

In here you can find fragments of business press, letter templates, resumes and comprehension exercises: it’s a blessing for whoever teaches Italian to foreign students . The best to start with business Italian.

To have a pile of email templates, commercial documents and phrases ready for business writing, this is the best you can get on the market:

Italian/English Business Correspondence , published by Routledge. It’s the first of two books concerning Italian, from the excellent series Languages for Business . The second book is great too, but for the needs of most of us, perhaps this first one is good enough.

This is also very recommendable:

Il libro dell’economia , published by Gribaudo: it has been conceived to for native Italian speakers not savvy in economics, so its focus isn’t a didactic one, but it’s recommendable nevertheless.

In a nutshell, it gives you some concepts, clear-cut lexicon and phrases to get acquainted with the subject, in Italian.

It’s very graphic , concise and it is very helpful if you have at least a B1 in Italian.

Italy’s Financial Times is Il Sole 24 Ore : as you can see, a part of what they publish is available to anyone, subscribers and general public.

Owned by the Italian industrials’ federation, just as the FT it is not an easy red: anything like this requires a grasp of Italian law , finance, economics and current affairs.

The same media group of Il Sole 24 Ore manages a radio channel , also very informative. They have all sorts of programs, all of them very good to improve your Italian.

A good collection of business Italian and domestic economy is the website of the consumer association Altroconsumo : contracts, telecom, consumer credit, cryptocurrencies, utilities, etc.

I’d tell you to have a look also at the ABI website, that is, the Italian Banking Association.

It’s as pleasant to navigate as a bite from a Tyrannosaur, but there’s a thorough glossary that can be of help, when deciphering complex texts.

The website of Poste Italiane has also to be one you dive in every now and then. If you have already been in Italy, you’ll know that they have all sorts of services beyond mail: insurance, banking, saving, investments, pensions, donation to charities, etc.

Business Italian at Poste Italiane

Prospectuses and fliers published by Poste Italiane are good sources of information, many of them available in multiple languages so that you can compare one version with the other.

The Wikipedia page about Incoterms in Italian is also enough to get the ABC of logistics in Italian.

Of course, there’s a lot more to learn, but this is to get the gist of business Italian.

Suggestions to learn Business Italian

#1 first of all, get to a b1.

Before to go technical, I’d suggest anyone to achieve an intermediate Italian at least: agricultural, engineering, health, physics, legal or, as in our case, business. Before, it’d be hard.

However, there is no need to wait for a C2 either. You improve your Italian also by dealing with business Italian.

#2 Train your Writing and Speaking

Writing business emails and quotes, calling to ask for prices or get info about delivery conditions, negotiating volumes and batches : these are skills that require study and practice.

Dare to throw yourself into a phone call in Italian .

Start from little things: an order confirmation, for example: the Skype conferences with the CEO of Pirelli SpA will come, don’t despair. ☎️

Business Italian is, on the other hand, a bit different from layman Italian: syntax, lexical collocations, formality, etc.

Once you gained some knowledge of your own, the best you can do is to hire a private tutor, someone correcting your writing and polishing your speaking .

I among others, tutor students in Italian . People of all ages and origins, online and offline, since a long time.

With a professional tutor, you can learn in months what you’d otherwise learn in many years.

#3 Watch out the language register

In Italy, there’s perhaps more formality than other places like the Anglo-Saxon countries: we are quite formal to whoever we do not know, seems older and with a higher social status than us.

As usual, in case of doubt: be cautious . Better to be too formal than the opposite, as the risk of making a fool of yourself is always there.

The Borsa of Milan

#4 Keep yourself updated

In order to widen your broad language mastery, you should not only read books in Italian but also specialized press.

Filiera or franco a bordo are concepts in use already for some time, but studi di settore and other recent terms and idioms… You need to be kept abreast with the latest developments.

#5 Make good use of spare minutes here and there

Queueing at the supermarket, commuting to work, lonely coffee breaks while remote working: if you feel like putting spare moments to use, there is a light-weight but effective tool I would recommend: the App Learn Italian Vocabulary ,

It provides a broader knowledge of the Italian language through its lexicon: you have the business part but also everything else. Unlike other Apps that I do not find useful, this is recreational but informative at the same time.

Here you can find it for Android and iOS .

Resources to become a ninja of the business Italian

In certain cases, there’s the need for a higher level. What cases? For example, the following:

1. Earning a Master’s Degree at the Bocconi Univerisity in Milan, at the Luiss Guido Carli University in Rome or at the Ca’ Foscari in Venice;

2. Understanding a contract written in Italian , before to sign it; 🔍

3. Being given Italy as an Area Manager, aware that every Euro you can yield for your company depends on your expertise in Italian and professional jargon involved;

4. Specializing in the niche of business Italian as a translator, interpreter, proofreader or content creator ;

5. You work in real estate … pretty much anywhere in the world. Indonesia, Spain, Scotland, Kenya.

You may think you are not strictly required to master business Italian, but… knowing how to talk with Italians makes a difference between getting a sale 🏠 or retiring empty-handed. 😔

Lease agreements, mortgages, regulations related to the purchase and sale of properties, etc. In English they still make sense, but an Italian handles these concepts more:

Multiproprietà, caparra, Imu, dichiarazione dei redditi, visura catastale, aliquota TASI, locazione passiva, surroga del mutuo, fabbricato rurale, interessi passivi.

Would you be able to offer your properties to an Italian using these terms? You need to specifically dig into business Italian because otherwise you’ll never going to find this language anywhere else.

6. You are going to do an Erasmus project in Italy, in a faculty of Economics, Accountancy or Business Administration. If any of these possibilities is of your concern, you have to get this dictionary:

New Economics & Business. Dizionario Enciclopedico Economico e Commerciale Inglese-Italiano, Italiano-Inglese , by Hoepli.

If you want to become an outstanding communicator, this is a dictionary you have to own. No matter where you are on your career ladder or in life, using this tome will make whatever you compose and translate more effective.

It will save you hours and hours looking for answers on Proz and other translation-related websites. Bless them. 🙌

Then I’d possibly also grab these books below:

Storia dell’economia , by John Kenneth Galbraith: a wealth of hardcore economics and language information for whoever aims to move within the Italian-speaking business world. The author is just awesome.

Steering gently towards finance, here’s what you should study:

Finalmente ho capito la finanza , by Maurizio de Pra: thanks to this book, even a dumb dude like me could understand what are ETFs, subprimes and other devilish concepts. It delivers valuable, sensible notions to have competent conversations about finance, be corporate, investment or personal.

With these materials, some time and the help of a private tutor, you will be able to broaden your Italian knowledge and get ready to seize new amazing professional opportunities .

And you will invited to that complaining party that is Italian social life. 😂

Conclusions

In these few paragraphs, I hope I have made some clarity about how to gain fast and efficiently a decent business Italian.

It does open many doors . The students who have learnt it with me have confirmed that:

  • the communication with their Italian counterparts have significantly become more fluid,
  • sales in Italy have risen , 💰💰💰
  • the number of formal complaints has decreased.

Sure! What else did you expect?

You are not yet at a B1? Never mind, read here: Learning Italian: How to Go from Zero to B1

Would you like to become a certified Italianist ? 📛 This post will make your mouth water: Speaking Italian: The Beauty of Italy’s language

And of course, if you’re looking for a language tutor in order to improve your business Italian, contact me: I’ve been teaching Italian for ages.

With a good language tutor, you can learn in few months as much Italian as in many years on your own.

If you liked this post, would you mind to share ? 📲It took a while to wrap up all the information on the matter.

Thank you very much & see you around 😉

Your personal Italianist, Fabio

Anything else I can help with?

Reader interactions.

' src=

28th July 2020 at 5:49 pm

“Italy, despite Italians, it’s quite a prosperous country”: hahahahaha. As someone who spend two months per year in Italy, for business and leisure, I can confirm every word you wrote. With my miserable B1, I’m on top of my colleagues – but I want more. In your opinion, is the “Italiano per economisti” a tough nut to crack for an independent learner?

' src=

30th July 2020 at 9:06 am

Hi John and thank you for your message. Well, it is somewhat difficult. Ideally, for independent learners at a B2 already. However, if you are willing to spend a bit of extra time on lessons and exercises, it’s doable at a B1 too. Enjoy your learning!

' src=

25th August 2022 at 10:32 am

Hiya Fabio, awesome article. I would argue that if you’re the customer, the need for fluency in business Italian is limited; on the other hand, if you’re the supplier, it’s an obligation.

27th August 2022 at 10:25 am

Thanks Rami!

Leave a Reply Cancel reply

Responsable » TurboLangs (servidor) Finalidad » gestionar los comentarios. Legitimación » tu consentimiento. Destinatarios » los datos que me facilitas estarán ubicados en los servidores de SiteGround (proveedor de hosting de TurboLangs) dentro de la UE. Ver política de privacidad de SiteGround. (https://www.siteground.es/aviso-legal.htm). Derechos » podrás ejercer tus derechos, entre otros, a acceder, rectificar, limitar y suprimir tus datos.

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Usando este formulario, aceptas la Política de Privacidad *

TIRED OF WASTING TIME AND MONEY ON USELESS LANGUAGE COURSES?

Here on TurboLangs I tell you how to learn a language, fast and efficiently!

  • romance languages
  • germanic languages
  • semitic languages
  • miscellanea
  • language hacks

IMAGES

  1. Come si fa un business plan. Guida 2022 aggiornata

    business plan tradurre in italiano

  2. Il Modello di Business: l'aspetto più importante del Business Plan

    business plan tradurre in italiano

  3. Business Plan Vincente e Semplice: Come farlo?

    business plan tradurre in italiano

  4. Esempio Business Plan Da Compilare

    business plan tradurre in italiano

  5. Strategie Aziendali e altro...: Il Business Plan come strumento di crescita

    business plan tradurre in italiano

  6. modello business plan italiano

    business plan tradurre in italiano

VIDEO

  1. Business italiano 🍾🎯🧠#business #investire #podcast #gurulandia

  2. Business italiano 🍾🎯🧠#business #investire #podcast #gurulandia

  3. Business italiano 🍾🎯🧠#business #investire #podcast #gurulandia

COMMENTS

  1. business plan

    Traduzione di "business plan" in italiano Sostantivo business plan piano aziendale m piano industriale m piano commerciale m piano economico m piano di attività m programma di affari m piano di business m Mostrare più Develop a business plan and skills to interest potential investors.

  2. business plan

    Vedi la traduzione automatica di Google Translate di "business plan". In altre lingue: spagnolo | francese | portoghese | rumeno | tedesco | olandese | svedese | russo | polacco | ceco | greco | turco | cinese | giapponese | coreano | arabo

  3. Come creare un business plan: esempio pratico (2024)

    Indice Perché creare un business plan? Business plan: esempio in 6 punti 1. Mission o vision 2. Offerta e proposta di valore 3. Pubblico di riferimento e potenziali clienti 4. Flussi di...

  4. Google Traduttore

    Traduzione Il servizio di Google, offerto senza costi, traduce all'istante parole, frasi e pagine web dall'italiano a più di 100 altre lingue e viceversa.

  5. business-plan

    business plan, dalla definizione della missione e degli obiettivi strategici fino alla predisposizione del piano economico e finanziario; Realization of a , to evacuate the potential of the project. Realizzazione di un business-plan, al fine di valutare la reale fattibilità del progetto.

  6. Qual è la traduzione di "business plan" in Italiano?

    business problem. business process. business profit. business profitability. business proposition. business proprietors. Puoi trovare più traduzioni nel dizionario Italiano-Tedesco di bab.la. Traduzione per 'business plan' nel dizionario inglese-italiano gratuito e tante altre traduzioni in italiano.

  7. Traduzione in italiano di "business plan"

    Traduzione in italiano di "business plan" Frequenza business plan sostantivo piano gestionale dell'impresa Copyright © by HarperCollins Publishers. All rights reserved. Esempi di frasi che includono "business plan" business plan Example sentences from the Collins Corpus

  8. BUSINESS PLAN

    Translation for 'business plan' in the free English-Italian dictionary and many other Italian translations.

  9. business plan in Italian

    business plan, Business plan, pianificazione aziendale are the top translations of "business plan" into Italian. Sample translated sentence: The new business planning team, the youthful brain of our company. ↔ Sarà il nuovo dirigente del team di pianificazione aziendale.

  10. Traduzione di "business plan" in italiano

    Le migliori traduzioni di business plannel dizionario inglese - italiano sono: business plan, Business plan, pianificazione aziendale. Le traduzioni contestualizzate di business planhanno almeno 30.325 frasi tradotte. business plan noun+ grammatica

  11. DeepL Translate: Il miglior traduttore al mondo

    Prova DeepL Pro gratis per 30 giorni. Stai usando la versione gratuita di DeepL. Traduzione fino a 1,500 caratteri. Traduzione di max. 3 documenti non modificabili al mese. Max. 10 voci del glossario. Accedi ai vantaggi di DeepL Pro. Massima sicurezza dei dati. Traduzione illimitata di testi. Traduzione di documenti modificabili.

  12. Cos'è un Business Plan, come si scrive e perchè snello ...

    Cosa è un Business Plan, come si scrive e perchè è importante renderlo Lean (snello) È il documento che permette di catturare l'attenzione degli investitori, ma anche un processo che mira a raccogliere informazioni, effettuare analisi e valutazioni. Ha anche una fortissima valenza interna, per stimolare organizzazione e management a ...

  13. business plan

    business-plan business planning Scriveremo un business plan e lo inoltreremo alla banca. We'll write up a business plan and forward it to the bank. Collaboriamo per offrire il meglio seguendo un business plan annuale. We will work with them to agree the best fit alongside their annual business plan.

  14. business plan

    business plan. Italian translation: piano economico-finanziario. Entered by: Beatrice T. 13:49 May 23, 2003. English to Italian translations [Non-PRO] Bus/Financial. English term or phrase: business plan - company plan.

  15. Google Translate

    Google's service, offered free of charge, instantly translates words, phrases, and web pages between English and over 100 other languages.

  16. (PDF) Il Business Plan e la Traduzione della Conoscenza. Nuove

    Il volume vuole esplorare il contributo del business plan quale strumento di traduzione della conoscenza in quattro modalità: esternalizzare l'idea tacita di business in una forma esplicita ...

  17. business plan

    Numerosi esempi di traduzioni classificate per settore di attività di "business plan" - Dizionario inglese-italiano e intelligent translation wizard

  18. Significato di business plan in inglese

    BUSINESS PLAN - definizione, significato, pronuncia audio, sinonimi e più ancora. Che cosa è BUSINESS PLAN? 1. a detailed plan describing the future plans of a business 2. a detailed plan describing the…: Vedi di più ancora nel dizionario Inglese - Cambridge Dictionary

  19. Traduzione di "business plan, it" in italiano

    Traduzioni in contesto per "business plan, it" in inglese-italiano da Reverso Context: Indeed, on the basis of the financial plan and the business plan, it appears that a smaller amount of capital would have been sufficient.

  20. Business Italian: Phrases You Need for Workplace Success

    The best Italian business greetings for this are: Buongiorno ("Hello," but literally "Good day") This can be used in formal and informal settings, and it's the appropriate greeting to use until the early afternoon. Buonasera ("Good evening") This is the greeting that you start using in the late afternoon. Ciao ("Hello")

  21. Business Italian: a Language for Work and Trade

    Selling to Italians; purchasing from Italians; collaborating with Italian Chambers of Commerce; showcasing your products and services in a trade fair in the Belpaese; getting a job in Italy; applying for a job in an Italy-based international organization (Apimondia, Unicri, FAO, UNHCR, WFP, among others).

  22. Business Plan Traduttore Italiano Rumeno

    Guarda le traduzioni di 'Business plan' in rumeno. Guarda gli esempi di traduzione di Business plan nelle frasi. ascolta la pronuncia e impara la grammatica. Italiano — rumeno traduttore. possiamo…

  23. business

    Traduzione di "business" in italiano Sostantivo Aggettivo business m affare m attività f azienda f impresa f lavoro m settore m commercio m aziendale commerciale d'affari imprenditoriale Mostrare più Globalisation has shortened distances and increased business opportunities.

  24. Italia inaugura una cumbre africana para presentar su plan de

    ROMA (AP) — La primera ministra de Italia, Giorgia Meloni, inauguró el lunes una cumbre con líderes africanos dirigida a presentar el gran plan de desarrollo italiano para el continente, con el que su gobierno espera frenar los flujos migratorios y forjar una nueva relación ente Europa y África.